Osteopatia per Te?

FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail Condividi le nostre idee sul tuo social web

…osteopatia per te?

 

Ecco una domanda lecita:

l’osteopatia può fare qualcosa per il mio dolore?

L’osteopatia si occupa del dolore che non deriva da uno stato patologico e che rappresenta la stragrande maggioranza dei casi di sofferenza.

Il dolore infatti può avere un’origine patologica dovuta ad una malattia o a un danno strutturale. Infatti, una frattura, la rottura di un legamento, di un tendine o uno strappo possono essere immediatamente diagnosticati dagli esami di routine.

Ci sono invece dolori e disturbi le cui cause tendono invece a sfuggire agli esami e che sono vissuti male perché apparentemente senza motivo. Non sapere la causa di una sofferenza toglie il punto di riferimento su cui concentrare gli sforzi terapeutici.

Ci si può trovare, a volte, intrappolati in un meccanismo capace di produrre e reiterare episodi di dolore. La cosa destabilizzante sta proprio nel fatto di non avere una chiara idea sulla sua origine e su come disattivarla.

Il dolore e i tutti disturbi di origine funzionale sono dovuti spesso a disfunzioni che affondano le proprie radici all’interno dei tessuti e degli organi. Le strutture del corpo devono essere libere e in equilibrio ed è questo l’obiettivo dell’osteopatia.

C’è una sorta di gerarchia nelle disfunzioni all’interno delle quali le strutture non hanno la stessa importanza funzionale. Spesso si intrecciano tra di loro in un circuito disfunzionale la cui logica sfugge ai protocolli di indagine classica.

Di fatto la nostra percezione si ferma all’effetto finale, al dolore o a disturbi più complessi come sindromi neurovegetative, vertigini, disagio viscerale, urogenitale o respiratorio.

Quindi, la risposta alla domanda se l’osteopatia sia anche per te, è chiara, se gli esami non dicono nulla sul tuo disturbo, l’osteopatia non solo può esserti utile, ma anche risolutiva. Infatti si occupa di tutte le problematiche che nascono da disfunzioni che si annidano all’interno dei tessuti.

 

FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail Condividi le nostre idee sul tuo social web

Leave a Reply