Tallonite? Cosa fare…

FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail Condividi le nostre idee sul tuo social web

Tallonite!

Tallonite è il termine con sui viene definito il dolore al calcagno. Per quanto non sia un dolore tanto comune, quando capita è pressoché insopportabile all’apoggio del piede a terra.

Il 05 giugno 2015 sulla Gazzetta dello sport è apparso un articolo sulla tallonite. Il dr. Franco Carnelli, primario di Ortopedia presso l’IRCCS Multimedica, lo ha identificato come fascite, un’infiammazione muscolotendinea della volta plantare.

La tallonite  “[…] non corrisponde a una vera specifica patologia,[…] ma indica solo uno stato infiammatorio doloroso nell’area del calcagno.”

In pratica, identificare questo dolore come tallonite o fascite plantare, non coinciderebbe, secondo lui, con “una diagnosi vera e propria”. Cosa essenziale “innanzitutto capire come e perché è nato […] e correggerlo alla fonte”. Per fare questo, “spesso sufficiente un esame clinico, senza dovere ricorrere per forza a indagini strumentali”.

Tallonite: un problema di origine funzionale

I concetti espressi in precedenza sono assolutamente condivisibili. Di fronte alla comparsa di dolore, occorre, prima di tutto, individuarne l’origine, la causa e il meccanismo che lo produce.

Il processo infiammatorio della volta plantare, in assenza di un trauma diretto, ha una causa funzionale. Essa nasce da una cattiva gestione posturale del carico che tende a concentrarsi in una zona troppo circoscritta del piede.

Tallonite: vettori di carico vs vettori di spinta

I dolori che coinvolgono la volta plantare, il tallone e le teste metatarsali, hanno un’origine comune. Questo non significa che sia un problema locale del piede, anzi al contrario è chiaro segno di una disfunzione complessa.

Il peso viene indirizzato lungo gli arti inferiori dal bacino e, attraverso anche, ginocchia, caviglie, lo distribuisce sulla volta plantare. I vettori di carico devono necessariamente incontrare quelli di spinta per poterli dissipare e renderli meno traumatici.

Osteopatia e tallonite

L’osteopatia vede questo dolore come un problema funzionale che nasce da un complesso disequilibrio tra queste linee di forza. Per risolverlo occorre partire dall’alto e correggere le anomalie nella distribuzione del carico prima di raggiungere il piede.

FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail Condividi le nostre idee sul tuo social web

Leave a Reply